Quanto conta essere popolari nel mondo musicale?

Probabilmente tanto. Due ricercatori (Matt Salganik and Duncan Watts) sono però riusciti a quantificare l’effetto di cui sopra. Come? Attraverso un esperimento molto semplice.

I due ricercatori hanno creato una piattaforma musicale che propone 48 canzoni da ascoltare liberalmente in streaming e con la possibilità anche di scaricare gratuitamente la canzone. I visitatori della piattaforma potevano osservare il numero di ascolti totalizzati da ciascuna canzone e dunque osservare la popolarità di ogni singolo pezzo.

La piattaforma ha funzionato così per i primi 750 partecipanti. A quel punto però arriva l’esperimento: ai successivi 7500 partecipanti vengono assegnati – in modo casuale e senza che ne abbiano coscienza – due universi paralleli. In un primo mondo la classifica di popolarità delle canzoni basate su downloads e ascolti corrisponde a quella reale ottenuta con i primi 750 partecipanti. Nel secondo mondo la classifica viene ribaltata. La canzone meno scaricata viene  mostrata come la prima in popolarità e così via.

I risultati sono sintetizzati da questo grafico:

wh_inequality_08

Si vede subito che la canzone più popolare (Song 1 in blu) è stata scaricata più di 500 volte mentre quella meno popolare (Song 2 in rosso) solo 29 volte. Questo è il risultato che si osserva nell’universo dove la classifica di popolarità non è stata alterata.

Le cose interessanti si osservano nel secondo universo, dove la popolarità è stata alterata. Si osserva infatti che la canzone che doveva essere meno popolare e che adesso invece viene mostrata come più popolare ha una crescita di downloads molto pronunciata  e decisamente maggiore rispetto a quando appare ultima in classifica.

Significativo anche l’effetto che si osserva per la migliore canzone in termini di popolarità che nell’universo parallelo appare come la canzone meno scaricata. Song 1 infatti mostra infatti una crescita di downloads molto pronunciata, segno che comunque (alcuni) ascoltatori sono effettivamente in grado di riconoscere l’eventuale qualità di una canzone senza farsi influenzare da fattori di popolarità.

Tuttavia, osservando il ranking finale di tutte le canzoni nell’universo parallelo, si osserva  che questo non ha alcuna relazione con l’universo dove il ranking non è stato alterato. Segno dunque che il semplice “credere” che una canzone sia popolare ha un effetto estremamente pronunciato sull’effettiva popolarità della canzone.

P.S Questo pezzo è preso da un discorso, che personalmente ritengo straordinario, di Alan Krueger, capo dei consiglieri economici alla casa bianca, dove si paragona il mondo musicale all’attuale situazione economica degli Stati Uniti.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...