Siamo boni solo a piagnece addosso.

Riprendo una avvelenata pubblicata su nFa, uno delle migliori per quanto mi riguarda.

Il fatto: una ragazza viene esclusa dal liceo classico del suo paese dove i posti sono limitati e vengono assegnati tramite lotteria.

La reazione: la ragazza scrive al ministro. L’oggetto della lettera sono i tagli del bilancio. La Stampa pubblica tutto.

La reazione (2): Il ministro risponde dicendo che i tagli nulla hanno a che fare col razionamento dei posti.

————PUNTI IMPORTANTI

1. La lettera della ragazza è scritta chiaramente dai genitori. Forse anche il Ministro si è fatta scrivere la lettera da qualche suo parente, ma assumiamo (anche se non ci piacciono le assunzioni a noi) che non sia così.

2. Ecco alcuni passi importanti della lettera. Notare lo stile di scrittura, tipico della vostra Nonna insegnante di Lettere alle medie che ora passa il suo tempo da pensionata leggendosi 3899283 giornali al giorno.

Mi stavano dicendo che io non potevo frequentare il liceo classico. Ci sono rimasta così male. Il classico era la mia scelta, la mia ambizione, il mio sogno. Sono triste e arrabbiata. La mia famiglia e i miei insegnanti mi hanno sempre parlato di impegno, di diritti e doveri, di scelte consapevoli. Non mi hanno mai parlato di «sorteggi» e un po’ sono arrabbiata anche con loro.

E ho anche un po’ di paura per il futuro. Quando sarò grande e cercherò un lavoro, sorteggeranno ancora per vedere se c’è un posto per me? Quando sarò vecchia e malata e non ci saranno abbastanza posti negli ospedali, sorteggeranno per vedere se potrò essere curata? Cosa farò se, come ora, non sarò abbastanza fortunata?

————CONSIDERAZIONI PERSONALI

1. Questa lettera è, come scritto su nFa, tipico della mentalità italiana, specialmente dei giovani. Ci si lamenta di un sogno che non può essere realizzato. Un sogno mozzato sul nascere, da qualche entità “esogena”. Ma che cavolo, ma questa ragazza perchè non si rimbocca le maniche e lotta per il suo sogno in maniera concreta invece di farsi scrivere le lettere da mamma e papà. Prendi il Pullman, la bicicletta, il triciclo, un tappeto volante e vai a fare il Classico in qualche posto più vicino se questo è davvero quello che vuoi ragazza mia.

2. Su una cosa la ragazza può avere ragione: assegnare i posti per mezzo di meccanismi random (anche se rimangono molto utili per pubblicare paper ) è una cosa che non ha poi tantissimo senso. In un mondo ideale, questi posti andrebbero assegnati su concetti di merito anche se definire merito in una situazione dove si devono ammettere dei ragazzi al liceo rimane un concetto particolarmente difficile.

3. Iscriversi al Classico è una cavolata comunque.

4. La cosa che più mi fa schifo di questa vicenda è il fatto che siano stati i GENITORI a scrivere questa lettera.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Economics. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...